RITRATTI D’ARTISTI / JAN WILS DIPINTO DA ISAAC ISRAËLS

0
158
Immagine tratta da Wikimedia Commons

Isaac Israëls (1865-1934), Ritratto dell’architetto Jan Wils (1891-1972), 1930, Olio su tela, Rotterdam, Nederlands Arkitectuurinstituut / 

Nato ad Alkmaar (il 22 febbraio 1891) e morto a Den Haag (l’11 febbraio 1972), Jan Wils fu un architetto molto noto ai suoi tempi, nei Paesi Bassi, soprattutto per essere stato il progettista dello Olympisch Stadion di Amsterdam (1926-28), costruito nell’area d’espansione disegnata da Hendrik Petrus Berlage.

Fotografia di Jan Wils nell’ufficio della sua casa di Den Haag, in un articolo del giornale “De Telegraaf” del 17 maggio 1928. Da Wikimedia Commons

L’impianto sportivo si distinse per le sue forme neoplastiche, ascrivibili al movimento artistico De Stijl di cui Wils fu tra i fondatori, associate alla materica espressione laterizia tipica della Amsterdamse School (Scuola di Amsterdam). Una sintesi di avanguardia estetica e tradizione costruttiva che fu esperita con eccellenti risultati anche da Willem Marinus Dudok.  Lo stadio si distinse altresì per la torre che le fu eretta accanto, anch’essa modellata neoplasticamente, la quale divenne un’opera alquanto emulata in progetti di analoghe emergenze visive per altri stadi nel mondo.

Fotografia dello Stadio Olimpico di Amsterdam (1926-28) poco dopo la sua costruzione. Da Wikimedia Commons

Per lo speciale pregio che Wils conferì allo Stadio Olimpico di Amsterdam, dichiarato nel 1987 monumento nazionale, il restauro che si attuò negli anni 1996-2000 fu improntato al ripristino quasi integrale della sua facies originaria.  La qual cosa, invero alquanto insolita per i restauri di impianti sportivi compiuti in quegli anni, specie in quanto fatta a scapito della capienza, comportò persino la demolizione delle tribune superiori aggiunte nella seconda metà degli anni ’30, ritenute incongrue superfetazioni quantunque risultassero assorbite da tempo nell’immagine storica dell’opera architettonica.

Il pittore Isaac Israëls (1865-1934) in una fotografia databile agli anni ’20 circa, The Hague, RDK -Nederlands Instituut voor Kunstgeschiedenis (Collectie Iconografisch Bureau). Da Wikimedia Commons

L’artista Isaac Israëls eseguì il ritratto di Jan Wils, conservato presso il Nederlands Arkitectuurinstituut, nel tempo in cui l’architetto stava vivendo una stagione di fiorenti successi, sia come professionista sia come autore di contributi teorici e progettuali che favorirono l’affermazione dell’avanguardia De Stijl.  Nell’opera, il pittore riesce a cogliere efficacemente la profondità psicologica dell’uomo, avente all’epoca poco meno di 40 anni, ritraendolo molto ben curato e ben vestito, in giacca e cravatta, mediante tocchi pittorici matericamente densi che rendono vivide le sue fattezze espressive e un po’ atticciate.

 

EMas (Emanuele Masiello) – Gennaio 2022

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here